Lontano

stanco da non poter dormire
morto da non poter vivere
occhi raggelati dal sonno
spiritati della memoria
ho smarrito un sacco di cose
in un posto qui vicino
che non riesco a trovare

in settecento chilometri
due caffè – un panino
ventisettemila ciambelle
infinite canzoni
uh!
adesso il palmo è aperto
il braccio è teso
la mano è vuota
il cuore abbaia
in una stanza vuota
dove anche le pareti
hanno smesso di parlare.

fuori è la notte
e i suoi capelli
entrano dalla finestra
come diavoli innamorati
profumati e schivi.
Dove? chi? e Quando?
si perdono nel letto deserto

Lontano, non significa niente.

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

futaki

Creations

Federico Cinti

Momenti di poesia

BIBAPPALULA

Parole Diversamente ALiBi di: Michele Cristiano Aulicino

LE RECENSIONI DI ROMINA

LEGGERE FA BENE ALL'ANIMA

Posso venire in abbraccio?

Domani ti dico ciao e ti voglio bene

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: