ogni santo giorno

a mezzogiorno in punto
arriva la domanda
puntuale come la morte
esatta come la luce
di casa come un parente
lontana come una stella
urgente come un amore:
che cazzo ci mangiamo oggi?

Scorteggiamento

Sbaglio ogni avvicinamento

Ma mi avvicino

Sbaglio ogni parola

Ma poi dico

Sbaglio ogni interpretazione

Ma poi chiedo

Sbaglio tempi modi e maniera

Da che io mi ricordi

E poi mi rompo il cazzo e ti dico

Eccomi qua

Ecco la mia portata

La mia insicurezza

La mia sconfinata grandezza 

La mia inutilità

La mia merda

La mia tenerezza

La mia misera vita di uomo

Certo d’essere un dio

Chiudo tutto in un piccolo fagotto

E te ne faccio dono

Esattamente come a cinque anni

Regalai una spilla 

A forma di farfalla

Mi sambrava così bella…

Uh. La sincerità che fora i timpani

E il cuore che lacera pensieri

E tira la poesia da ogni lato

Tutto è tuo dico…

E se non sai cosa farne,

Amore mio, 

Brucia tutto in un motore a curvatura

Potrai essere in ogni luogo

Tu creda di desiderare

Così come io sono qui adesso

Avanti ai tuoi occhi 

increduli e pieni di paura.

Io_ non_ ho_ più_ niente

Solo il mio amore e

Questa idea di libertà

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Povertà e Ricchezza

OSARE RENDE LIBERI

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: