I Pirati e Il Big Bang

Se sto solo per troppo tempo
Comincio a camminare per le strade
Con gli occhiali da sole scintillanti
A spacciare bastimenti di gentilezze
Tipo prima che un signore ha starnutito
Per strada
Trascinando un cestino a rotelle
Pieno di buste piene di cose
Piene di calorie alimentari
Ed io gli ho detto:
Salute!
E lui con la fretta di ricambiare la cortesia
Quasi inciampa
Con un occhio ancora chiuso
Ancora piegato dal quel mistero dello starnuto
Che è secondo solo al singhiozzo:
Grazie caro! Ha risposto.
Caro mi ha detto
E gli ho sorriso.
Ché siamo tutti una famiglia quando le cose
Girano storte senza un motivo preciso
E il vento sposta solo le cose
E quasi mai i colori
A meno che non volino buste o sabbie e palloncini o madonne
O i giorni che si affollano contro
Come Emanuel ai tempi di New York
E tu stai là toro toro a spingere
Mano mano fumo grigio impalpabile
Che ritorna sempre indietro
Tanto rompicazzo è il vento
E poi incontri l’amico quello a cui puoi dire
“Io le donne non le capisco ”
E lui lo sa che non c’è niente da dire a riguardo
Che prima del singhiozzo ci sono le donne nella scala del mistero poi il big bang
In barba ai creazionisti e agli elettricisti
Ma non ai pirati, ché loro conoscevano
La precarietà Delle cose
Prendevano quando c’era da prendere e
Aspettavano se era bonaccia
E morivano se era necessario
Con tutti gli onori
e finiva là la storia
Non ingaggiavano battaglie col fumo grigio
Impalpabile e con tutti i misteri dell’universo.

Vento forte

Il vento forte

sposta le nuvole

Una luce gialla che

Forse è il deserto

Di tutti i sentimenti

Questo vento forte che

Rivela la cirrosi dei muri 

E le mosche che crescono

Sottopelle e sotto i pensieri

Munch ne avrebbe fatto uno dei suoi

Con tutta la gente piccola e scura

Ai piedi dei cementi e delle lune

Che si infila di fretta nelle auto

Che porta le mani agli occhi e

Staccionate per metà divelte mentre

Uno scooter fa il rumore della zanzara

Schiacciata dal tempo 

Doppler Doppler Doppler! 

Si innalzano bandiere nel cielo

Questo giallo pare piscio di cammello

Quei gialli rinascimentali

Quei gialli senza speranza

È come un’ eclissi

Ma più intima, sottovoce

E gli alberi impazziscono

Come quando il primo amore

Ti pianta nel mezzo del deserto

E tu cominci a bruciare come una stella ferita

E nessuno ti può vedere.

Frammenti ( a P.V. Tondelli a “Biglietti per gli amici”, che non ho ancora letto )

ho la grande difficoltà di scrivere romanzi
la vita mi sovrasta ogni volta con una voce nuova
passano gli amori sotto un ponte a Berlino
e ne escono rinnovati e diversi
eppure si amano ancora
con una voce nuova
persino le lingue cambiano
eppure si comprendono ancora
si amano
adesso parlo di te che non conosco
e appresso parlerò di te
che ho conosciuto
io vi amo entrambe
e voi non vi parlate
e scrivo solo di questo amore
con lingue diiverse
su pagine separate
affinché non sgomitiate
sui bordi della vita
ma tutto è vostro
a me non resta che il ricordo
l’amore, la nostalgia, l’inferno
di una marea di inizi
che non avranno mai una fine

La prima volta che non ci siamo incontrati

pochi istanti fa
stavo per scrivere una cosa
parlava di una foto che
scattasti da dietro il tronco di un albero
ad una barca a remi ormeggiata
a pochi metri dalla riva.
la barca era sola
avanti ad una lingua di sabbia
come me avanti al computer
ho trovato la cosa interessante
poi mi sono chiesto il perché
e non ho trovato risposte.
ho passato diversi minuti a fissare quella foto
e in quei minuti
il tempo di parecchie vite
ancora ci penso ogni tanto
a tutte le cose che non ho scritto
sono le cose migliori
le uniche degne di nota
di cui resta un ricordo
che è soltanto mio
come la prima volta
che non ci siamo incontrati

​Incontri (poesia in pullman)

Voglio che mi dica 

ogni cosa ti passi per la testa

Le ho detto.

Non mi scandalizzerò

né penserò male di te

Se sei triste per vecchie storie d’amore

Dillo. Dimmi tutto. Raccontiamoci ogni cosa accaduta.

Le miserie che legano i giorni come zavorre 

e quelle quattro cose 

Che invece ci rendono

poco uomini e molto dei

A costo di uccidere questa erezione

E le molte altre a venire 

Prima che amanti dovremmo essere amici

Prima che amici due persone qualsiasi

Che prendono il caffè al mattino

E pensano a come sarebbe bello

Se adesso ci fosse un fiume

In mezzo a un prato o a un bosco

O a qualsiasi altra cosa che tenga lontano

Ogni rottura di coglioni

E se ti dico che amo già le tue labbra

Puoi credermi sulla parola

La stessa bocca da cui escono certe parole taglienti

Puoi credermi se ti dico che sono pronto a ignorare queata erezione

Lo sto già facendo mentre ci scriviamo dei morsi sulla pelle

E la tua voce nasconde un filo di rabbia

Verso il genere umano

Questo amore che nasce dal basso

Operaio,  per la vita,

come solo l’amore sa essere

Saprà reggere ogni colpo di coda

Ché io non mi aspetto mai niente

Solo un po’ di umanità

Sul fondo delle nostre paure

E qualcosa di nuovo

Dove prima c’erano due idividui

Che ignoravano tutte queste coincidenze.

Hai labbra rosse. 

Hai labbra rosse 
Occhi larghi e taglienti
E nella tua voce
Il graffio leggero
Del vento fresco
Sulla pietra cotta
Dal sole del ricordo
Se ridiamo insieme
Significa vertigini
Ciascuno le sue:
Le mie tetre
Come universi perduti
Le tue invece sono abissi
Dove si fa tenero il verbo
Così ci siamo incontrati
Dove le parole infrangono asfalti
Un incidente di proporzioni
Ancora indefinite.

I vecchi amori

Dove finiscono
Gli amori che hai avuto?
Dietro vetri sporchi
In Macchine in disordine 
E sentieri assolati
Nei Fiumi di cristallo e vino
In Letti freschi del mattino
Dentro le bocche di altri ragazzi educati
Ed io mi nutro della gioia
Dei sorrisi che stampano
Occhi di fieno
Per i loro uomini
Del tempo che porta la frutta
E la buona parola
Della carezza che ha il vento
Sul grano giovane
E Per il suo grido verde
Per la pelle rosa tesa al domani

I vecchi amori

Dove finiscono
Gli amori che hai avuto?
Dietro vetri sporchi
In Macchine in disordine 
E sentieri assolati
Nei Fiumi di cristallo e vino
In Letti freschi del mattino
Dentro le bocche di altri ragazzi educati
Ed io mi nutro della gioia
Dei sorrisi che stampano
Occhi di fieno
Per i loro uomini
Del tempo che porta la frutta
E la buona parola
Della carezza che ha il vento
Sul grano giovane
E Per il suo grido verde
Per la pelle rosa tesa al domani

Poesia di amore vero.

Poesia di amore vero.

Se l’amore bussa alla tua porta
Tu apri la finestra
Se l’amore bussa alla finestra
Tu apri la porta
Se l’amore bussa alle pareti del cuore
Forse è una fibrillazione ventricolare
Se l’amore bussa al pavimento
Forse è quello dei vicini
Se l’amore non bussa ma entra sicuro
Attento al portafoglio
Se l’amore è un dejavù
Aspetta, tanto poi passa…
Se invece l’amore sei tu
Ho avuto un gran botta di culo.

Parole Diversamente Abili

Dominatore di Poteri

L'universo è un posto grandissimo e meraviglio . Un posto pieno di pianeti , di stelle e cose meravigliose . Dove la storia aiuta l'universo tutt'oggi a farlo diventare semprè più grande di giorno in giorno , in epoca in epoca , di era in era . Io sono Il Dominatore di Poteri e posso viaggiare attraverso questo grande universo grazie al T.A.R.D.I.S. Non solo nell' universo , ma anche nel tempo , nello spazio e nei mondi . L'universo è un posto grandissimo e meraviglio e pieno di persone magnifiche .Ma l' universo non è composto solo di questa ma anche di mondi meravigliosi da vedere e osservare .Mondi piene di persone e creature magnifiche . Proprio questo rende l' universo il posto più bello dove andare e da li viaggiare dappertutto e nell' infinito conosciuto e sconosciuto. Ci sono alieni di ogni razza e moltissimi pianeti e stelle e in questo blog io parlerò delle mie avventure nel tempo , nello spazio e nei mondi .Ma spesso nell' universo esistono anche persone malvagie pronte a fare di tutto per portare i male nel mondo e io viaggiando nell' Universing e nel tempo , nello spazio e nei mondi cerco di fermarli . Ma non da solo se riesco a farlo , lo faccio insieme alle persone che incontro e mi faccio amico e grazie al loro aiuto riesco a sconfiggere il male dovunque sia . Contro i miei nemici e contro chi ha ucciso un sacco di persone userò contro di lui lo sguardo della penitenza e vedrà con i suoi occhi tutto il dolore fatto alle persone . Chi ha tradito questo mondo e questo universo io questo farò e non mostro nessuna pietà . I Distruttori non hanno avuto pietà per nessuno visto che tutti sopratutto dall'inizio del loro grande viaggio cioè l' inizio del tempo stesso hanno cercato di uccidere noi Dominatori di Poteri e cosi fare il loro oscuro piano che consiste nell’ usare il nostro aspetto per fare fuori tutte le altre razze. Io sono uno dei tanti Dominatori di Poteri che sono vivi e vegeti e gli altri invece sono sparsi nel tempo e nello spazio. Seguite nella mia avventura nel tempo, nello spazio e nei mondi e sopratutto cercando un modo per salvare il mio pianeta Maraxus e sopratutto salvare le persone che sono morte durante la Guerra dell' Universo.

The lazy factory

by Daria Bongiorni

Dominatore di Poteri

L'universo è un posto grandissimo e meraviglio . Un posto pieno di pianeti , di stelle e cose meravigliose . Dove la storia aiuta l'universo tutt'oggi a farlo diventare semprè più grande di giorno in giorno , in epoca in epoca , di era in era . Io sono Il Dominatore di Poteri e posso viaggiare attraverso questo grande universo grazie al T.A.R.D.I.S. Non solo nell' universo , ma anche nel tempo , nello spazio e nei mondi . L'universo è un posto grandissimo e meraviglio e pieno di persone magnifiche .Ma l' universo non è composto solo di questa ma anche di mondi meravigliosi da vedere e osservare .Mondi piene di persone e creature magnifiche . Proprio questo rende l' universo il posto più bello dove andare e da li viaggiare dappertutto e nell' infinito conosciuto e sconosciuto. Ci sono alieni di ogni razza e moltissimi pianeti e stelle e in questo blog io parlerò delle mie avventure nel tempo , nello spazio e nei mondi .Ma spesso nell' universo esistono anche persone malvagie pronte a fare di tutto per portare i male nel mondo e io viaggiando nell' Universing e nel tempo , nello spazio e nei mondi cerco di fermarli . Ma non da solo se riesco a farlo , lo faccio insieme alle persone che incontro e mi faccio amico e grazie al loro aiuto riesco a sconfiggere il male dovunque sia . Contro i miei nemici e contro chi ha ucciso un sacco di persone userò contro di lui lo sguardo della penitenza e vedrà con i suoi occhi tutto il dolore fatto alle persone . Chi ha tradito questo mondo e questo universo io questo farò e non mostro nessuna pietà . I Distruttori non hanno avuto pietà per nessuno visto che tutti sopratutto dall'inizio del loro grande viaggio cioè l' inizio del tempo stesso hanno cercato di uccidere noi Dominatori di Poteri e cosi fare il loro oscuro piano che consiste nell’ usare il nostro aspetto per fare fuori tutte le altre razze. Io sono uno dei tanti Dominatori di Poteri che sono vivi e vegeti e gli altri invece sono sparsi nel tempo e nello spazio. Seguite nella mia avventura nel tempo, nello spazio e nei mondi e sopratutto cercando un modo per salvare il mio pianeta Maraxus e sopratutto salvare le persone che sono morte durante la Guerra dell' Universo.

The lazy factory

by Daria Bongiorni

Patatràcchini

– catastrofi tascabili –

It's a beautiful day to save my Life

C'è un intercalare usato da molti: "quella brutta malattia", "il brutto male", "quella malattia lì". Si ha timore perfino di pronunciarne il nome, come se nominarlo significasse evocarlo in qualche modo. Si ha paura perché, in fin dei conti, è da sempre una malattia che viene associata alla morte. Invece non è così. Impariamo a chiamare il nemico con il suo vero nome, qualunque esso sia: Cancro, Linfoma, Leucemia, Mieloma, Melanoma o anche semplicemente usando il termine generico di "Tumore". Quando si chiamano le cose con il loro vero nome, le si esorcizza, le si ridimensiona in qualche modo. Ecco, nominiamo il nemico, comincio io: Il mio nemico si chiama - Linfoma di Hodgkin- , secondo stadio. Perché ho deciso di raccontare questo viaggio attraverso una pagina facebook, rendere pubblico un cammino difficile, duro, doloroso e condividere questa mia esperienza? Il primo motivo forse ha sfumature "egoistiche", nel senso che chi mi conosce sa che la scrittura per me è un bisogno viscerale, dell'anima. In secondo luogo voglio, con tutte le mie forze, testimoniare nel mio piccolo che di questa malattia non si deve avere paura, che il percorso sarà sicuramente difficile ma si può vincere. Io ho avuto la fortuna di nascere in una famiglia che mi ha trasmesso il valore della prevenzione, ho partecipato a tantissime manifestazioni sulla Terra dei fuochi e sostenuto sempre la ricerca; per quanto, però, fossi sempre stata "sensibile" a tale argomento, paradossalmente non immagini mai che possa accadere a te. La mia speranza, quindi, è che tutti possano capire l'importanza della prevenzione, di quanto sia importante battere sul tempo il tumore e soprattutto non arrendersi, mai. Questo è il mio viaggio che condivido con chiunque lo voglia.

aut' BOOKSHOP

grafica & design

Samuele Editore

Utile Dulci