Bender, un Racconto a Puntate

CAP I

IL VUOTO SPINTO

Photo by Pixabay on Pexels.com

E se poi te ne penti?

P. Maronno

ADESSO:

È morto Ezio Fosso.

-Chi? Quello che suona la tromba?

NO, quello è Fabrizio.

– Boh, sticazzi! Facciamoci due botte pure per Fossi.

Sarà mica un leghista di merda? Parente di Umberto?

Cazzo ma ti sei tirato Alluchina? Quello è Fossi! Questo, Fosso!

Ma che cazzo parlo a fare con te che hai il crack di semolino nel cervello.

Vabbè, dai in effetti, facciamoci due botte, onoriamo i caduti, perché no?!

Per Ezio. Sgnaaahfrhh!

– Per Ezio o chi cazzo è lui! Snnnahhhggrff! Cristo!


PRIMA DI ADESSO:

Sera di Natale 4253 D.B. (Dopo Bolsonaro ndr.)

Mauro era stato al concerto di Fosso due anni prima. Fu un regalo di laurea.

A quel tempo, di focaina ( un centinaio di anni prima fu sintetizzata dalla pelle di foca un potentissimo anestetico, la focaina, appunto. I suei effetti erano assimilabili alla tradizionale Cocaina, ma con una aggiunta di effetti collaterali del tutto innovativi. Questa nuova sostanza aveva la capacità di inibire i centri neurali responsabili dell’ansia da prestazione verbale. Ti fa sentire un dio del verbo. Parola di chi scrive. Parlo con cognizione di causa.), botte, piste, iperbamba, spade e cazzi vari, non ne voleva sapere.

Si era appena laureato in Architettura con ”voti mezzi pieni”, (è un ottimista) al prestigiosissimo Politecnico di Milano.

Unica università europea ( Europa: Regione politica, ai tempi dei continenti. Termine diffuso in epoca post panaceica) sopravvissuta a quella spaventosa guerra, chiamata dagli storici con il nome:
La Grande Guerra Dei Congiuntivi.
Scoppiata dopo l’attentato che eliminò in un sol colpo tutto il gota della grammatica mondiale.

Un Autarchico, Silvio Silvani detto Scorza, in combutta con i disservizi segreti, nel 2046 D.C.( ovvero il primo anno D.B. Dopo Bolsonaro, il quale sarebbe morto per autolapidazione nel 2047 dopo aver regnato su ogni essere vivente indisturbato per diversi decenni.) piazzò una bomba sotto la sede dell’incontro tenutosi tra tutti i Ministri Del Linguaggio mondiali (figura nata dopo la caduta dei social network circa 2033 D.C.), riunitisi per favorire lo sviluppo di una lingua comune a tutti gli individui.

Sarebbe dovuto essere il primo passo verso la pacificazione e la comprensione planetaria. Una grande perdita per l’umanità.

Motivo, invece, di giubilo per i bolsonariani di stampo acefalitico.
I quali miravano alla frammentazione dell’umanità in piccoli stati vassalli, così da poterli facilmente sottomettere, grazie al massiccio utilizzo di armi biologiche, birra molto drogata, balletti di gruppo e musica di regime di cui si vantavano esserne i più grandi produttori industriali.

 Mauro ci aveva messo dieci anni (dei due necessari) a laurearsi: “Ho voluto approfondire”, rispondeva alle voci indiscrete che gli domandavano: Come mai ci hai messo tanto?

Mauro Pazienza Carnevali, detto Bender, figlio del sud dell’Aspuria, è di origini vagamente nobili, le tracce della sua nobiltà si riscontrano nel portamento eretto, quasi altezzoso, e nella sua inopportuna generosità di superlativi, tipica della nobiltà squattrinatamente decaduta. Decadutissssima.

Il soprannome Bender, invece gli fu appiccicato quella volta che: durante una cena di Natale tra amici, a casa di Giuzzi, giurò, già alticcio, di poter bere cinque lattine di birra Doppiogaz calda, senza battere ciglio! Alla quarta, scolata non senza tentennamenti e poi male maleaccartocciata sulla fronte in stile “Belushi che non ce la può fare”, arrivò, come un presagio, il primo colpo di singhiozzo. SIIGHHH!Hic!

Il preludio di stampo Stromboliano, di quella che sarebbe diventata la più grande eruzione domestica del 4253 D.B.  (Dopo Bolsonaro)

  ( Descrivere rapidamente la storia dal dopo Bolsonaro fino ad oggi 4255, ma anche no.
Mireremo a fare grossa confusione nel lettore e a indurre ripetuti scuotimenti del capo in segno di disapprovazione. Mireremo altresì a stuzzicare la curiosità dello stesso, disseminando qua e là nello scritto, degli elementi fortemente catalaizzanti per l’attenzione del tipo: FICA. TETTE. CRISTIANO MALGIOGLIO. Fatima. Eucalipto. VALDOBBIADENE. Big Bamboo. Ciao Bella. BERLINGUERRO ndr.)

Riuscì a stappare appena la quinta lattina tra gli applausi quasi generali. Quasi, perché Giuzzi, al secolo Giusy Della Polvere, allegra infermiera del reparto “Asparagi Da Cortile Iperproteici” del centro di ricerca “ASUKA”, con predittivo piglio festaiolo, aveva intuito tra l’euforia generale, che le sarebbe poi toccato ripulire con lacrime&sangue il pavimento dagli umori male digeriti del nostro affezionatissimo Marco.

Detto – fatto! Se esistesse una maniera letteraria per rallentare fino ad un fotogramma al microsecondo, vi descriverei le facce di tutti i presenti con ogni singolo cambiamento morfologico dei loro volti. Dall’allegria inconsapevole, alla catastrofe umanitaria.

Per fortuna e per mancanza di mezzi, eviterò frantumarvi gli ammennicoli con inutili descrizioni. Amen.

Dopo il primo singhiozzo accaduto simultaneamente con l’apertura della quinta e ultima birra, qualcosa si mosse nel ventre del nostro protagonista. Un terrore ancestrale si impossessò del suo volto, e dal basso, cominciarono a gorgogliare come un embrione di geyser flautolento, tutte le birre e il vino e le tartine all’asparago e le olive kamikaze ( cmi riservo di scrivere postumo, un saggio sulle olive Kamikaze) e i cetriolini transBetarotene (ottimi per l’elasticità della pelle) e gli amori perduti e gli amici morti e i pensieri di quella volta che fu stuprato da un broccolo dei bassifondi… Insomma… Tutte le sue angosce e le sue paure surfarono l’onda del beveraggio scadente dell’ Astrospin e cominciarono a risalire l’apparato digerente tra un singhiozzo e l’altro, come una sfortunata preistorica missione Apollo 74.

Lo sbratto fu epico.  Un plasma di sentimenti andati a male ricoprì sedie, tappeti, occhi, spalle, pensieri opere e omissioni. Nemmeno il tempo ne fu immune. La densità del flusso, sembrò incrinare qualcosa nello spazio-tempo. Il mondo da allora non fu più lo stesso.

Soprattutto per Giuzzu e per Marco che da questa sera di Natale del 4253 D.B., ne usciranno profondamente cambiati.

to be continued…


Segui il mio blog

Ottieni i nuovi contenuti, spediti direttamente nella tua casella di posta.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

miriammessina

Vivo e scrivo sulla splendida isola d'Ischia

ENDangered Peoples News

We must talk about it

stare senza mutande allunga il pene

stare senza mutande aiuta ad allungare il pene?si perché...

THE MESS OF THE WRITER

"SAPERE TUTTO DEL NULLA E NULLA DEL TUTTO." [If you're not italian, you have the possibility to translate all the articles in your own language, clicking on the option at the end of the home page of the blog]

UNDA

"Fai della tua vita una poesia!" ... "Fa ca viata ta sa devina o poezie!" (Pino Ferroni)

Povertà e Ricchezza

Racconti, novelle, narrativa, autore, fantasy, girls, amore

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

miriammessina

Vivo e scrivo sulla splendida isola d'Ischia

ENDangered Peoples News

We must talk about it

stare senza mutande allunga il pene

stare senza mutande aiuta ad allungare il pene?si perché...

THE MESS OF THE WRITER

"SAPERE TUTTO DEL NULLA E NULLA DEL TUTTO." [If you're not italian, you have the possibility to translate all the articles in your own language, clicking on the option at the end of the home page of the blog]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: