Mancanza per Andrea Parodi

lo capiranno anche i muri
Andrea
che quella voce spaziale
uscì dall’ombra di un corpo
una sera
e che in quell’ultima estate
aprì una breccia nel tempo
e la vita ci cambiò per sempre

fu come se dalla cruna di un ago
scrosciasse l’universo
e tu fosti la chiave
per la quantistica
e per il soprannaturale
e noi restammo soli
ancora una volta
con questo grande amore

 

Andrea Parodi, cantautore (Porto Torres, 18 luglio 1955 – Quartu Sant’Elena, 17 ottobre 2006)

Dejavù

Sono già stato qui

in un altro momento
a scorrere lentamente
la home di un social
come se sul fondo si nascondesse
una notizia del tipo:
ti amo anche io
oppure:
il mondo è finalmente un posto giusto!
o ancora altre cose a queste equipollenti
e sono già stato in altri posti
altre volte
prima di ritrovarmici
tempo dopo
ma mai con la faccia inebetita
di adesso :
di me che scrivo una specie di poesia
con questa sensazione da
criceto cosmico
del girare intorno al nulla
per l’eternità
dentro una ruota di parole
che non mi porteranno in nessun altro posto
se non qui, adesso in questo luogo
in cui sarò già stato
in una eternità precedente

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

Federico Cinti

Momenti di poesia

BIBAPPALULA

Parole Diversamente ALiBi di: Michele Cristiano Aulicino

LE RECENSIONI DI ROMINA

LEGGERE FA BENE ALL'ANIMA

Posso venire in abbraccio?

Domani ti dico ciao e ti voglio bene

Il Sentiero della Realizzazione

Scegli di crescere almeno dieci volte al giorno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: