Rideranno a lungo

Stamattina ho aperto i miei libri
Ci ho trovato soltanto spaventi
E domande irriverenti
E bottiglie di salsa scadute
E macchioline di muffa verdi
Come primule morte

Il sole è ancora freddo
L’azzuro ancora grigio
Prima delle otto
Il sabato mattina
Neanche un aereo
Rompe il silenzio

Ripenso alla rabbia cieca
Delle bestiole ferite
Alla tenerezza dei giudizi
Al disprezzo donatomi
Che è diventato un abbraccio
di malinconia e comprensione

Sansone che abbraccia le colonne
E scrive alle catene una poesia d’amore irriverente
perché lo sa fare
Ma i filistei non ascolteranno oggi.
Rideranno a lungo.
Forse non domani…
Forse un domani.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Povertà e Ricchezza

OSARE RENDE LIBERI

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

Il Blog per TE

psicologia, curiosità, musica, cinema, moda e tanto altro!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: