Soffro di una bellezza acuta

giorni in cui
mi muovo insieme
all’universo
e tutto è al posto giusto
perché niente
ha più un posto.
una commozione
iperumana mi attanaglia
le cose mi attraversano
come fossi aria
e tutte lasciano
il loro peso
e la loro grazia
sul fondo della mia gola
e i tuoi occhi
diventano i miei occhi
così li chiudo per ore intere
non voglio perdermi nulla
non voglio nulla
niente mi reclama
divento naturale
come una foglia che cade
e scivolo e mi piego
come lo spazio
il tempo e l’acqua e
le pieghe che fa il vento
sulle tue labbra
e il tuo sguardo
mentre chiami
il mio nome
soffro di vita
di una bellezza acuta
non troppo lontana
dal comune dolore

Il mattino

ah l’amore l’amore!

urla il mattino.

un vecchio in ginocchio

raccoglie la spesa

e l’amore l’amore

ha urlato il mattino

sulle mani nodose,

il sole distende

la sua lunga coperta,

è appena risorto.

come non benedire l’aria

e gli occhi e i ragazzi di scuola

e lo stesso mattino.

l’amore! l’amore!

urla lo zaino coi disegni dei mostri

poi scompare allegrotto

nella curva di Febbraio,

e non c’è morte che tenga.

l’amore! l’amore!

urla il mattino,

mi sorride il vecchio

vicino la curva,

la curva! la curva!

pare urlare la voce, stamane

anche  là dietro c’è sole.

Che tu ci creda o meno,

anche oggi risorgo,

ho pensato nel letto.

Il vecchio ha raccolto le uova,

ci scambiamo un sorriso,

è passata una donna.

l’amore! l’amore!

ha cantato il mattino.

la curva è lontana,

il cemento una culla,

gli occhi risorgono

alle nove e quaranta

sembra dire il barista.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Per boschi e contrade

Prodotti naturali di terra lucana

comehofattoanonpensarci

idee, progetti e suggerimenti per vivere più felici

miriammessina

Vivo e scrivo sulla splendida isola d'Ischia

ENDangered Peoples News

We must talk about it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: