Lascio

Lascio che le cose accadano
Lascio che i sentimenti sedimentino
Lascio scorrere il sangue
Lascio che sia puro istinto
Lascio perdere i consigli
Lascio a te l’orgoglio
Lascio agli altri le suppliche
Lascio che la vita mi morda
Lascio fare al maestro
Lascio le conclusioni affrettare
Lascio scorrere il tempo
Lascio che la tenerezza mi sfianchi
Lascio che la gelosia porti sorrisi
Lascio le insicurezze sul cuscino
Lascio i pugni stretti nelle tasche
Lascio che pensino quello che vogliono
Lascio che il sorriso contagi
Lascio agli altri la rabbia
Lascio senza raddoppiare
Ma lascia che ti dica una cosa
Va’ a giocare a palla contromano in autostrada durante l’esodo di Ferragosto

Ne ho accompagnate di ragazze

Ne ho accompagnate di ragazze
Fin sotto al portone
In tantemila città e
Poi sono tornato in albergo
O a casa o a casa di amici
E volte è capitato di finire
Appiccicati a qualche muro
Caduti sulle scale
Dimenticati nell’ombra
O in qualche letto
A raccontarci la vita
Perché sei single?
Perché sei qui? Rispondevo.
Oppure ore seduti sopra uno scalino
Ad aspettare qualcosa
Che non sarebbe mai accaduto
Piú spesso con allegria di ragazzo
Per aver custodito la grazia
Il mondo, il mistero, la specie, i sogni,
Che se pure non erano i miei sogni
Ho custodito sicuramente quelli molti di altri
E come erano belle
Con le loro gonne
Che sparivano come piovre
negli abissi dei portoni
Mentre io già di spalle
Lanciato su una strada nuova
A fantasticare il nome di un’altra
Tra le nebbie bruciate di desideri passati.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Per boschi e contrade

Prodotti naturali di terra lucana

comehofattoanonpensarci

idee, progetti e suggerimenti per vivere più felici

miriammessina

Vivo e scrivo sulla splendida isola d'Ischia

ENDangered Peoples News

We must talk about it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: