Rapporti difficili

Ci sono periodi come questo

In cui ogni cosa si fa simbolo

Tutto risuona nello stomaco

Con una nota più grave

Di quella che vedo.

E certe voci lontane

suonano invece

soltanto gli armonici

E potrei ascoltarle per ore

Come il sitar degli Shankar

Quando sedevano vicini

Padre e figlia accovacciati

sopra due comodi cuscini

Perché non ti chiamo?

Non ho niente da dirti:

Voglio solo ascoltare

Fosse anche soltanto

la lista della spesa o

Il racconto svogliato

di una giornata qualunque

Quei versi che fai

Quando qualcosa va storto

E poi lasciarmi finire

Da questa tenerezza

A cui ho dato le chiavi

Del mio appartamento

Soltanto da poco

Ma che già spadroneggia 

un po’ goffamente

Come una vecchia baldracca

Che ha vinto da poco 

la lotteria del millennio

E dell’intero universo.

Che Fa comunque il mestiere:

Ma Dice: faccio quello che voglio!

Scopo se e quando voglio.

E se poi è tutti i giorni

È soltanto passione!

E poi sbatte le porte

E ci mandiamo a fanculo

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

Federico Cinti

Momenti di poesia

BIBAPPALULA

Parole Diversamente ALiBi di: Michele Cristiano Aulicino

LE RECENSIONI DI ROMINA

LEGGERE FA BENE ALL'ANIMA

Posso venire in abbraccio?

Domani ti dico ciao e ti voglio bene

Il Sentiero della Realizzazione

Scegli di crescere almeno dieci volte al giorno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: