Tortura

Tortura 
Mi infilo nel treno

Occupo tre posti

Con una valigia troppo ingombrante

Dalle cuffie parte Bowie:

Dancing out in space

Prendo il libro e apro a caso:

Tortura, si intitola la poesia e

Quando ho finito di leggerla

Il treno passa di fianco a

Certi campi da calcio

Dove ho seminato ginocchia e sudore

Mi viene in mente l’umidita della palude

Che bagnava lo scooter a tarda notte

E tutti i pensieri di quando ero innamorato

O Almeno così credevo

E tornavo a casa cantando

Col mezzo sparato a tavoletta

Lungo oscuri viali semi deserti

Verrebbe voglia di alzarsi e danzare

come natura vuole

se soltanto avessi

una immagine di me un po’  meno goffa

Nel mentre la mia vicina di posto sta studiando diritto internazionale

E sbadiglia senza coprirsi la bocca

Questo la rende più umana di quello che

Vorrebbe far trapelare

Il sonno è più forte di ogni sovrasteuttura

Ma le uniche due cose che mi risuonano a ritmo costante nella mete sono:

L’idea sbagliata che ho di una donna &

Una frase:

Danza in ampi spazi aperti, ragazzo.

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

Federico Cinti

Momenti di poesia

BIBAPPALULA

Parole Diversamente ALiBi di: Michele Cristiano Aulicino

LE RECENSIONI DI ROMINA

LEGGERE FA BENE ALL'ANIMA

Posso venire in abbraccio?

Domani ti dico ciao e ti voglio bene

Il Sentiero della Realizzazione

Scegli di crescere almeno dieci volte al giorno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: