Una vecchia lettera di stran.amore

Volevo dirti due parole
dirti che mi manchi
non che la cosa sia segreta
da quando ho fatto voto di sincerità, ero, però,
certo che le cose sarebbero andate come pensavo
invece è andato tutto rovinosamente a puttane,
e un sacco di puttane nel contempo
hanno bussato alla mia porta
recandomi doni più o meno prelibati
ma non commettere mai l’errore
tu che leggi
di considerare offensivo il termine “puttana”
sono donne e uomini sinceri le puttane
hanno coraggio e un vuoto da riempire
hanno dignità, loro,
comunque le ho fatte entrare, abbiamo bevuto
ci siamo raccontati
talvolta scopato, ma non è una cosa rilevante,
bisogna farsi le fusa ogni tanto, sempre
che la situazione sia quella giusta, comunque
volevo dirti cose che già sai, probabilmente,
ma va bene così
la gente fugge le persone sincere
e se faccio cacare, buona pace santissima, amen
va bene così. So essere una pietra.
Lo sono stato per secoli, eoni.
Ma non commettere l’errore di prendere alla leggera
le mie parole
nonostante mi sia contraddetto mille volte
io so sacrificarmi per un capriccio.
So rinunciare a tutto per una questione di principio
non che sia una cosa intelligente
evito sempre di farlo
ma non farmi incazzare troppe volte
divento cattivo e ottuso
comincio a buttare la gente fuori dalla finestra
come quando zio Carver beveva roba forte
ma io non so che cos’ è l’amore
e probabilmente sono uno di quelli in questa stanza
che non riconoscerebbe l’amore
neanche se me lo mettesse nel culo, ma credimi
so essere una testa di cazzo come un uomo qualsiasi
di cui si innamorano le stupide
ma tu non sei cretina ed io
non voglio parlare d’amore
continuiamo così facciamoci del menomale
dal canto mio, farò quello che voglio
come è sempre stato
non ho paura di niente
anche se comincio a rompermi i coglioni
di rovistare nel sudicio
di parlare da solo
di saperti lontana
non è difficile voler bene
è difficile accettarlo, così incondizionatamente
ma Io confido ancora nella noia
ho ancora energie per te
vediamo quanto dura
mi stancherò, prima o poi-

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Il Sentiero della Realizzazione

Scegli di crescere dieci volte al giorno

Medicina, Cultura, e Legge

Articoli su medicina, cultura, e materie legali. Autore Stefano Ligorio

IL CANTO DEGLI OCCHI

Possiedo il canto degli occhi, possiedo il profumo della dolcezza!

Per boschi e contrade

Prodotti naturali di terra lucana

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: