Ferlinghetti in tv

Ferlinghetti in tv a 93 anni

San Francisco ha una luce mutevole

Il poeta è il baluardo ultimo

Attacca pacificamente lo status quo, dice

Parla di poesia sdraiata in piedi e seduta

Il vecchio ne ha viste parecchie

Sotto la finestra passano auto e piedi

Come in una serie tv americana

Con quelle finestre a ghigliottina

Che tanto mettono ansia a noi nati per campi

Lo vedi che ha 93 anni e tutta una vita davanti

E una ventina di vite di dietro

E pare che debba decollare

coi suoi occhiali rossi da un momento all’altro

Ma invece resta piantato sulla poltrona a leggere frammenti e se pure le mani tremano leggermente, la voce è intatta

è quella di un tempo senza tempo

C’è dell’iromia latente nell’aria

Nel mentre scatto delle foto

al mio appartamento che poi inserirò

in uno di quegli annunci privi di fantasia dove una voce recita cose del tipo:

#termoautonomo #luminosissimo  e un sacco di altre minchiate del genere

Quando invece si dovrebbe poter scrivere:

Qui si è amato sui tavoli, sulle sedie sui balconi e altre robe simili a piacere

E che una mattina mi svegliai prestissimo

Certo di trovarmi a Ushuaia

a due sguardi dal Perito Moreno

e soltanto questa finestra mi riportò sulla terra

Col profumo di svuotaggio di pozzo nero

E coi capelli ricci della ragazza dirimpettaia

A cui non ho mai rivolto un saluto

E nemmeno lei.

Ma per principio, mi sonondetto, non posso cominciare sempre tutto io.

Eccheccazzo.

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

Federico Cinti

Momenti di poesia

BIBAPPALULA

Parole Diversamente ALiBi di: Michele Cristiano Aulicino

LE RECENSIONI DI ROMINA

LEGGERE FA BENE ALL'ANIMA

Posso venire in abbraccio?

Domani ti dico ciao e ti voglio bene

Il Sentiero della Realizzazione

Scegli di crescere almeno dieci volte al giorno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: