911

 

A vent’ anni ero un ragazzo cretino
Incarnavo il dolore dell’amore
L’esercito mi reclamava
Tra ospedali e notti bravissime
Lucidità pauca
Raccolsi le mie cose e partii
Senza riuscire mai ad andare
Nel viaggio
Due fratelli mi insegnarondo
A farmi beffe della carne
Federico e Fernando
Garcia Lorca e Pessoa
Da quei giorni
Persino la morte
Mi è familiare già dal mattino
Come l’odore del caffè
Ho creato persino la mia polizia poetica personale:
Le “effe effe”
A cui faccio quotidianamente una chiamata
Quando le cose girano male.

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

futaki

Creations

Federico Cinti

Momenti di poesia

LE RECENSIONI DI ROMINA

LEGGERE FA BENE ALL'ANIMA

Posso venire in abbraccio?

Domani ti dico ciao e ti voglio bene

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: