Cistus

Giorni in cui mi aggrappo
alla parola
come ultimo appiglio,
tra le nostre bocche
un mattone di vetro
ti dissi, e
un tempo il sorgere del sole
non portava il fuoco
tra le mie parole
tra i tuoi muri bassi e fitti
tra i vicoli bianchi e quadrati
della tua città antica
tra denti e murate
fossette e fossati
dove la mia poesia
si infrange e si rompe
mucchi di cistus e bellis perennis
ad ognI mandata
di un fesso scirocco

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

Federico Cinti

Momenti di poesia

BIBAPPALULA

Parole Diversamente ALiBi di: Michele Cristiano Aulicino

LE RECENSIONI DI ROMINA

LEGGERE FA BENE ALL'ANIMA

Posso venire in abbraccio?

Domani ti dico ciao e ti voglio bene

Il Sentiero della Realizzazione

Scegli di crescere almeno dieci volte al giorno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: