True love will find you in the end.

C’è sempre un accordo aperto
Che ci invita al viaggio-
Cosí parte la musica degli Alburni che
-duri, quasi — il san michele
Sono indifferenti alle europee
Alle sdruciole scommesse
E alle pale eoliche selvagge
Che si accordano invece benissimo
alla striscia bianca tratteggiata
Che separa corsie e uomini
nello spazio nel tempo e nelle dipendenze :
Sarà l’anno settemilaottantadue
Ché tanto sono numeri…
Qui di fianco a me ho Daniel johnston italiano
E forse non ha il pallino della musica:
Straparla, sbava, suda, trema e sorride
ma con grazia
Occupa lo spazio con amore e dolore
La sua enorme polo nera mi inghiotte
In una visione di pace e di sudore
Nella macchia di sudore fondo nero
Ci vedo il volto di un povero cristo. Stop.
Gli occhi cercano la costa, a ovest
L’autostrada fa il rumore vento
Il tirreno pare sbattersi a fatica
contro i viadotti in cerca di grazie
E tutti: da Coleridge a Melville a Conrad a Fajardo a Chatwin sembrano seduti come corvi sopra un filo della luce dentro la mia testa torbida di antistaminici di birra di ieri
di antipiretici e di canzoni: una:
True love will find you in the end…

ASINOV

ASINOV

certe volte immagino di scrivere un romanzo
seduto al tavolo, all’ombra, appena sotto la veranda
della masseria che non ho ancora ricostruito
là dove c’è un cane che ogni tanto gironzola
scodinzolando per il parco
dove il sole fa il perimetro 
senza mai troppo bruciare
e dove c’è il rumore della sorgente
che fa da tappeto al vento che a qualsiasi ora
scombina le fronde degli alberi –
ebbene oggi ero sulla cima di un montagna
e mi è venuto questo pensiero
come una cosa da fare urgentemente
il titolo sarà ASINOV – ho pensato
e ci sarà poesia e della fantascienza
e degli animali parlanti poco scolarizzati
così, proprio come immagino
certi sentimenti: metà bestie – metà alieni
e per metà immaginati.

Prima o poi

Stanne certo. Accadrà.
Ti lasceranno solo con la tua visione…
Penseranno che non vali niente, rideranno delle tue manie e delle tue ossessioni…
E sarà allora che gli vorrai più bene.
Che li amerai di più.
Perché il tuo tempo sarà fermo e ci saranno i fiori, e le piogge e le voci sconosciute e tutto l’universo a tenderti la mano. Fratello.
A fare luce nella solitudine, la visione, abbagliante come il fallimento.
Oh, sí! 
Esploderemo come una risata dentro al cimitero. Sarà la nostra danza a spese delle morte. Non temere. Ci divertiremo.

Apposto

Mi lasci senza un alito divino
La srada si fa nemica
per qualche tempo
I posti piccoli e il cielo basso
Mi rinchiudo in una nostalgia
grande quanto una stanza
Penso a cose infinitamente piccole
Tutto il tempo che mi è dato…
Fino a raggomitolare il pensiero
Su sé stesso come una calza
Ingoio una pasticca per il mal di testa
Come fosse una distanza e
Provo il sortilegio della parola
Senza riuscire: cosa fai?
Io qui senza le tue mani
Sono un poco fottuto
Quasi ammalato
Anche il ragazzo dorme!
Lasciami un posto
Tra i tuoi capelli- fa
Che mi spenga
Come un allarme
Tra le tue dita
Amore mio.

Oltre

Sedimentazione – questa
La parola con cui parlo alle cose
Senza aspettarmi risposte
Mentre dal cielo viene giú l’olimpo
Che crolla con tutti i finis – dei.
Dice: sei un pazzo
Dice: sei un perdigiorno
Dice: voi poeti
Dico: sono stanco ma recupero in fretta
Dico: sono un cercatore
Dico: un sacco di fregnacce
Se mi metto dissertare sull’essere e il non essere. Taccio.
Come potrei sapere davvero chi sono?
Il mio nome è una domanda
Ma è anche un monito
Ma è soprattutto un caso spinoso
Questa cosa al netto di dio
Mi lascia molto pensare
Soprattutto quando mi dicono
Che non so amare nemeno un criceto
Soprattutto quando penso alla retorica
Della parola amore. E della birra.
E alle vie di fRuga delle tasche bucate
E del superuomo. EbBene:
(Ricorre spesso la parola bene)
Oggi è il maggio piú freddo degli ultimi 50anni – proprio oggi – e gli occhi lacrimano
Di allergia e di fuliggine – di fumo controvento
Paiono colonne di spiritelli benevoli
Che s’alzano come pilastri dalle vecchie case
A reggere il pensiero unico del cielo
Dai comignoli evaporano acque antiche
Che hanno conosciuto i nostri nonni
La stessa che ha formato gli spermatozoi
Qua si brucia legname come un tempo
Qua si brucia legname come il tempo
Noi lo sappiamo che per cercare calore
anche una mano fredda va bene
Se posta con la giusta grazia
A guardia di qualcosa
Che non ha difese
Se non gli occhi
Per guardare oltre

Ci sai fare

Ci sai fare
Ci sai fare con le parole
Parli di questo e di quello
Come se tutto ti fosse compagno
scosti i capelli dalla fronte
Solo per scherzare col vento
Prima da un’auto in corsa
ti ha salutato una ragazza
Una ragazza conosciuta una notte
Mentre eri abbastanza ubriaco
Da startene in disparte
Seduto penzoloni sul tetto.
Lei ti promise qualcosa
Che ha a che fare col silenzio
Ma tu facevi già l’amore coi pensieri
E non successe granché
Agli occhi degli altri, poi
non promettesti un bel niente
Quel giorno eri sincero e gentile
Per questo quando ti incontra è felice
E vi scambiate i saluti
Come foste fratelli
E a te la tenerezza fa bene
Tiene ferme le mani e fa ridere
Un poco i pensieri
e anche il silenzio.

prato sfiorito

Maggio spreme il temporale
Come un mozzo di bordo
Fa con i cenci
Talvolta – il nibbio – squarcia qualcosa
Una poiana che raspa la roccia
A strapiombo sul cielo
nasconde un passato feroce
Le strade lontane dalle stazioni
Hanno il passo del mulo – qui –
Sui fianchi la primavera
Comunque sputa i colori nel fango
L’altro giorno ho incontrato per sentieri
Un vecchio tenore bastone_trasportato
-In cerca di funghi o di asparagi
…di un altro soffio di vita
Ma io non dissi che un cenno
Un pudore di terra
ci riduce alla pietra…
Si cammina sul mondo 
per essere mondo
Non per godere dei fiori –
Per essere un fiore:
e tra i fiori
sfiorire.

Poco & Male

Posto andato svanito:
: Qualsiasi.
Non avere una tana
In cui scrivere che poi significa vivere
in un certo modo – tipo per strada
Costringe i pensieri all’addiaccio
senza-tetto al di fuori dell’universo sconosciuto.
poco male:
Questi vanno di bar in bar
Fino a sprofondare nel dubbio dell’esistenza
Fino a svenire – fino a svanire in
Altopiani del tipo Texas – 
in pianure patago-anatoliche
In Deserti di parole e pietre
Di scheletri e di armadi freddi
E soprattutto di polveri e di grassi sintetici
Vomitati da auto imbestiate 
Dalle reminescenze dei sabato mattina
Della Valle Dell’Agri – Napa Valley – California
Dagli uffici dei padri vista cimiteri
Da cantieri scorticati dal sole
Da case incompiute
Qui la poesia ha il sapore
Della nascita _ dell’appartenenza –
Del fulgore – cristo inutile scrocicchiato 
Della bellezza morta ritrovata.

Trentaprile

Un posto qualsiasi
Di un trenta aprile qualunque
Dove non c’è furore di morte -certo!
La poesia si perde nei discorsi
Del pococaldo e del troppofreddo
Il sole che spande il suo veleno
Di una incerta primavera
Pare rivendicare la nostra inconsistenza –
Per la strada vecchia
Un uomo sale reggendosi l’ernia
Che porterà all’altro mondo
Come una maledizione
Nel palmo della mano –
C’è un significato profondo
Nella pioggia – che non so vedere.
Saluto il disgraziato
Con un impeto di amore
Ho per risposta un rantolo
Che sa di mesto vaffanculo
Possa questa luce sdebitarci
Da ogni desiderio
Che non sia una pace
Un fremito di sangue
Un albero fiorito
Contro ogni previsione.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

Il Blog per TE

psicologia, curiosità, musica, cinema, moda e tanto altro!

Terracqueo

multa paucis

DestinodiLux

"Una persona che non ha mai fallito è una persona che non ha mai tentato"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: