prato sfiorito

Maggio spreme il temporale
Come un mozzo di bordo
Fa con i cenci
Talvolta – il nibbio – squarcia qualcosa
Una poiana che raspa la roccia
A strapiombo sul cielo
nasconde un passato feroce
Le strade lontane dalle stazioni
Hanno il passo del mulo – qui –
Sui fianchi la primavera
Comunque sputa i colori nel fango
L’altro giorno ho incontrato per sentieri
Un vecchio tenore bastone_trasportato
-In cerca di funghi o di asparagi
…di un altro soffio di vita
Ma io non dissi che un cenno
Un pudore di terra
ci riduce alla pietra…
Si cammina sul mondo 
per essere mondo
Non per godere dei fiori –
Per essere un fiore:
e tra i fiori
sfiorire.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

Povertà e Ricchezza

OSARE RENDE LIBERI

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: