Dalla collana onirica inedita – Sogni e bi-sogni realmente accaduti . Ho abitato a Roma.

Dalla collana onirica inedita – Sogni e bi-sogni .

Ho abitato a Roma.

Stanotte ho sognato di abitare a Roma…
Una Roma fronte mare, in un palazzo molto antico, forse augusteo. (megalomanie)
il palazzo era composto da circa dieci piani, cinque sopra il livello della strada e altri cinque sotto.
Al piano più basso, appoggiata sulla parete più esposta alle intemperie, a terra, fronte foresta, fronte mare, c’era lamia stanza.
Allo stesso livello del mio umidiccio pianerottolo, vi era l’entrata di una grotta ben illuminata che però non mi ha destato perticolari attenzioni…
(lascio al lettore l’esplorazione… ndr.)
La mia camera era invasa dal guano e da nidi di rondini, le quali, allertate dalla mia presenza, dovevano essere fuggite in posti più tranquilli, più decorosi e anche meno decadenti.
Forse per scongiurare l’ altrimenti inevitabile artrosi alare, flagello dei rondoni più anzianotti.
In mezzo alla stanza, coperta da carta da parati sbiadita e acquerellata, spadroneggiava sul circondario, una macchina fotografica antica. Una di quelle con tanto di tendina e camera oscura.
Mi sono sempre piaciute, conservano intatto il mistero dell’ infilare il viso sotto una gonna svolazzante.
Ho visto la Luce!
Mi verrebbe da urlare ogni volta.
Nel mezzo del sogno, ho fatto una riflessione che ricordo nitidamente:
“ La fotografia, se pure parziale, monca di una dimensione, è l’unica verità che incontriamo perché è al di fuori dal tempo pur essendone l’essenza. Afferma l’esistenza per negazione. In negativo. “
“capisci quello che voglio dire?” ho borbottato ad un assistente con il mio stesso volto.
Abbiamo annuito entrambi con poca convinzione…
Dalla fessura nella porta fronte foresta, fronte mare, entrava una brezza sapida e legnosa, così come odorano certi vini cresciuti in riva al mare… Nel frattempo
una luce fredda, umida e pesante si faceva largo nella densità della stanza.
Il lampadario spennacchiato, lasciava intendere un passato di cristalli gloriosi, mentre, lungo la parete ovest, quella fronte mare, la più umida, da un lato, stretto in un angolo, un vecchio giradischi, ormai marcio, faceva da contrafforte ad una pila orizzontale di vinili con le copertine ormai illeggibili. Dall’altro lato, nell’ angolo destro, una pila verticale di libri ridotti ad una poltiglia sfilacciata di cellulosa ed inchiostro pareva una antico tronco di colonna.
Nel mezzo, una porta di legno mal rattoppata.
Ho avuto la lucida sensazione di essere capitato in una stanza della mia mente.
Le cose si deterioravano naturalmente, e più si avvicinavano alla fine, più crescevano in bellezza, all’infinito, senza mai finire.
In ogni caso, deluso dalla scarsa abitabilità della mia camera, mi sono infilato su per le scale del palazzo col fine di dirne quattro alla proprietaria. Nel mentre devo aver citato Dante, “ com’ è duro calle…”, ( lo faccio spesso durante risalite difficoltose), perché il mio assistente, quello col mio stesso viso, mi ha mandato perentoriamente a fanculo…
E così, con questa tenera auto-offesa mi sono svegliato ridacchiando. E’ il 2016, 20 Febbraio, realizzo di non avere alcun assistente, né di abitare fronte foresta, fronte mare. O forse sì?
Bah! Buongiorno! Nemmeno un’anima pia a portarmi un caffè. Che decadenza! Che volgarità!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

miriammessina

Vivo e scrivo sulla splendida isola d'Ischia

ENDangered Peoples News

We must talk about it

stare senza mutande allunga il pene

stare senza mutande aiuta ad allungare il pene?si perché...

THE MESS OF THE WRITER

"SAPERE TUTTO DEL NULLA E NULLA DEL TUTTO." [If you're not italian, you have the possibility to translate all the articles in your own language, clicking on the option at the end of the home page of the blog]

UNDA

"Fai della tua vita una poesia!" ... "Fa ca viata ta sa devina o poezie!" (Pino Ferroni)

Povertà e Ricchezza

Racconti, novelle, tempo libero, narrativa, autore, fantasy, gothic, girls,

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

miriammessina

Vivo e scrivo sulla splendida isola d'Ischia

ENDangered Peoples News

We must talk about it

stare senza mutande allunga il pene

stare senza mutande aiuta ad allungare il pene?si perché...

THE MESS OF THE WRITER

"SAPERE TUTTO DEL NULLA E NULLA DEL TUTTO." [If you're not italian, you have the possibility to translate all the articles in your own language, clicking on the option at the end of the home page of the blog]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: