‪#‎Heartexit‬ (breve storia di indipendenza)

‪#‎Heartexit‬ (breve storia di indipendenzaliberazione)

Stanotte ho fatto uno strano sogno
mi sono liberato dai fantasmi
e di certe subdole paure.
parcheggio la mia panda 1000 fire bianca
che non ho mai avuto
nel giardino all’inglese
di questa villa piena di contrafforti
e cupole
lei mi saluta con un poco di imbarazzo
che ci faccio qui?
Mi domando
il padre esce di casa con una camicia bianca
con fare spavaldo
mi guarda e mi dice qualcosa del tipo
: tua madre mi ha detto : Auguri e figli maschi! Ti rendi conto?
Avrà avuto i suoi buoni motivi. Ho risposto.
E stia attento a come parla, gli ho detto, potrei fare come Nanni Moretti
in quel famoso film..
Lei aveva degli shorts blu e una camicia verde di lino chiaro e trasparente, una faccia da schiaffi e la bellezza rotta
della Nike di Samotracia,
devo ammettere che ha più stile nei miei sogni.
faceva un caldo avvolgente e umido
il caldo delle notti d’estate in città
il verde intorno era tutto potato e sagomato ad arte
una cupola di siepe a destra
un cilindro di oleandro a manca
figure geometriche da sala operatoria
a terra pareva il prato del Maracanà
giocavamo in tre
più il cane, il cane era mia amico
non l’ho mai visto
ma l’ho sentito
era come avere il suo alito caldo sul collo
Avevo un peso sullo stomaco
quella sensazione di impotenza
che mi prende quando mi trovo difronte ad un abuso
che dura di solito pochissimi istanti, fino a quando
non sbotto e mi trasformo in un animale senza padroni
Avrei potuto sradicare la villa con uno sguardo
l’onnipotenza di non aver paura
capita solo nei sogni
e quando lotti per una giusta causa
Ho preferito girare le spalle
e abbandonare la lotta
tutte quelle persone all’improvviso hanno perso di significato
tutto mi è parso così grottesco
la bellezza pareva sepolta sotto terra
come da etimologia. allora
sono ritornato mansueto ed educato
come con chiunque altro
come con il turista straniero che mi ferma per strada
per chiedermi indicazioni.
è tornata la pace e la tenerezza di uomo
il cane è salito da solo in macchina
ho salutato con uno strano sorriso
ho acceso il motore della panda 1000 fire bianca
ha fatto il rumore del mare
sono stato avvolto da una sensazione di battigia
e risacca, di fresco ed eterno
come il priomo bacio in riva al mare
nella notte dei tempi
mi stavo pisciando addosso
mi sono svegliato e sono corso in bagno
i quattro litri di acqua Sant’Anna si sono fatti sentire
da stamattina sia io che l’Inghilterra
siamo tornati ad essere
i soliti extracomunitari.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Per boschi e contrade

Prodotti naturali di terra lucana

comehofattoanonpensarci

idee, progetti e suggerimenti per vivere più felici

miriammessina

Vivo e scrivo sulla splendida isola d'Ischia

ENDangered Peoples News

We must talk about it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: