Alla larga dalle donne

Accumulavo tazzine da caffè
sui mobiletti del bagno
mi tenevo alla larga delle donne
e scordati quelle cose là
mi ripetevo quando conoscevo
qualcuna interessante
così mi imponevo di restare da solo
di declinare inviti a feste e a concerti
non mi faceco vivo per giorni
uscivo al pomeriggio quando potevo
a bere la mia birra gelata
oppure qualcosa di caldo
qualcosa di comunque complicato
da stringere tra le mani per molto tempo
senza mollare la presa
camminavo la mia strada
e la strada talvolta mi camminava
scansando con attenzione
le cagate isolate che partoriva la mia mente
Mi andava bene così
avevo cose da fare
qualche donna da rimpiangere
la capacità di scrivere di qualsiasi cosa
e un letto fresco alla sera
quando rincasavo da solo
a tarda notte o al crepuscolo
Lucido come un pomello di ottone
solitario come un cerchio
stordito dalla bellezza della vita
quando tu non poni  domande
e non aspetti alcuna risposta
il mattino seguente puntualmente
dimenticavo una tazzina di caffè
sul mobiletto del bagno
prima di lavarmi i denti.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Posso venire in abbraccio?

Domani ti dico ciao e ti voglio bene

Il Sentiero della Realizzazione

Scegli di crescere almeno dieci volte al giorno

Medicina, Cultura, e Legge

Articoli su Medicina, Legge e Diritto, ma anche Aforismi, Riflessioni, e Poesie. Autore Stefano Ligorio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: