Che cosa resta?

che cosa resta
di tutte le parole
che mi hai fatto scrivere?
mi chiedo
al suono della granata
che spazza la sera
dal fondo delle strade
e come un tango
che graffia
il fondo della notte

che cosa resta
del nostro aborto di intimità?
Un tempo
abbiamo avuto parole felici
e voci sincere 
da intrecciare ai sorrisi

che cosa resta
mi chiedo? Se non
qualche mezzo ricordo
e due promesse avariate
un pugno di miserie
in fondo a quel cassetto
dove ti conservavo un tempo
un po’ di tenerezza

Che cosa resta?

Negroni Sbagliato

i posti mi inghiottono
la strada mi deglutisce
e qualcuno mi caga
mi viene da ridere
su questo sgabello
la gente diventa umanità
a distanza di una birra
o due o un negroni
e mi viene da ridere
e quindi sorrido
racconto una storia
scrivo due righe seduto al bancone
poco valore
un diario di bordo
aspetto un’amica
un’altra bevuta
un’aria di scuola
di banchi sporcati
e si parla del cuore
sono abbastanza ferrato
aritmie ablazioni enne_ctomie
arresti improvvisi e rianimazioni
bevo un negroni
magari sbagliato
e la serata si aggiusta

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Per boschi e contrade

Prodotti naturali di terra lucana

comehofattoanonpensarci

idee, progetti e suggerimenti per vivere più felici

miriammessina

Vivo e scrivo sulla splendida isola d'Ischia

ENDangered Peoples News

We must talk about it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: