La questione sentimentale

ricordo nitidamente
la sera in cui decisi
di scriverti quella poesia
che tanto è piaciuta
ai ragazzi in prima fila
al reading di
qualche giorno fa
ricordo che presi il telefono
e pensai subito,
non mi accade spesso,
a Neruda, e quindi
al mare e ai baci mancati
a un certo sole
alla spiga di grano
e a un mucchio di altre cose,
flessuose come la notte
e al tuo collo…
Seguirono altre dolcezze e stronzate
nel mentre, un ragazzo
mi frana sulle ginocchia,
ero seduto sull’autobus
curva pericolosa e
probabile indigestione di aghi…
poco più avanti
un tizio munito di catetare
squadrava il culo
di una ragazza cinese senza culo
uno storpio alle spalle,
una studentessa carina,
un po’ timida, di fianco.
Ecco! ho pensato,
buttiamola sul ridere.
Ché tu eri lontana
intorno faceva toto toro,
la morte, ma sempre
un’aria di primavera
accompagna il ricordo
una corrente più calda
di quella del golfo
ogni tanto ritorna
come una domanda
a cui non so rispondere
e prendo tempo
scrivendo domande
a cui altri e nemmeno tu
sapresti rispondere…

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Per boschi e contrade

Prodotti naturali di terra lucana

comehofattoanonpensarci

idee, progetti e suggerimenti per vivere più felici

miriammessina

Vivo e scrivo sulla splendida isola d'Ischia

ENDangered Peoples News

We must talk about it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: