la città è morta

la città è morta
stasera è l’unico pensiero
che mi viene in mente
la città è morta
dice la gente per strada
e i clacson e le luci
tutte votive
la città è morta
e le minigonne e
le scollature e i
calzoni stretti
la città è morta
e non me lasento di cambiare
idea
neanche se venissi
attraversassi tutta questa piana
di cemento e ferraglia lamentosa
e mi baciassi
la città è morta
più lo scrivo
e poiù muoiono
lingue d’asfalto
e bar e trattorie
e pompe di benzina spompate
e i cavalcavia ferroviari
crollano
appeno lo scrivo
la città è morta
non decolla più un aereo
tutti fermi immobili i palazzi
tutti morti
rigor mortis tutta la vita
la città è morta non ho altro da dire
però magari se vieni
e lo so che non vieni
però se vieni
magari qualcosa forse
comincerebbe a muoversi
sotto sotto
impercettibilmente con gentilezza
dalle fondamenta
sotto tutta questa morte.
la città è morta
è morta e tanti cazzi
esco a fare necrofilia
esco a farci l’amore

…che non resti incinta qualche muro?

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Posso venire in abbraccio?

Domani ti dico ciao e ti voglio bene

Il Sentiero della Realizzazione

Scegli di crescere almeno dieci volte al giorno

Medicina, Cultura, e Legge

Articoli su Medicina, Legge e Diritto, ma anche Aforismi, Riflessioni, e Poesie. Autore Stefano Ligorio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: