Da solo

declinare inviti più che allettanti
per restare da solo,
non ho nulla da dire,
nulla da risolvere
se non i pensieri spiccioli che attanagliano tutti
un muro una camera spoglia di cose impacchettate
i libri sono tutti nelle scatole 
ho duecento testi nel Kobo 
ma non hanno alcun odore
un paio di profumi e due deodoranti
sul comodino 
la lampada, qualche vecchio cd polveroso
e il telefono che vibra come fu nel principio
e la vibrazione riempie la stanza
il palazzo, la piazza
e tutto ciò che oso immaginare,
solletica il clitoride del mondo
e nessuno ne gode,
ricordo quel vecchio film di Moretti
dove un omonimo era indeciso
se venire o meno,
che faccio, vengo? No, non vengo!
ma io non ho aspirazioni
spartirei tutto con chiunque abbia voglia
io amo la gente 
ma non ho nulla da dirgli stasera
in questi giorni,
e me ne sto solo, coi miei pochi fantasmi
a guardare la gente passare
e le donne profumano di viole e limone 
anche in Autunno
ma oggi sono all’altro lato del fosso
raccolgo le forze per il prossimo salto
sento già scorrere il sangue
sta tornando la voglia
sta finendo il letargo.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Per boschi e contrade

Prodotti naturali di terra lucana

comehofattoanonpensarci

idee, progetti e suggerimenti per vivere più felici

miriammessina

Vivo e scrivo sulla splendida isola d'Ischia

ENDangered Peoples News

We must talk about it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: