La Voce

la sento spingere dai sepolcri
dai coperchi del cielo
dalle membrane cellulari
la sento premere
come seno di donna sul viso
cavallette appassionate sostano nel campo
sacro fuoco della dimenticanza
sacro respiro delle cose che passano
sento il calore
fluire dalle dita
questa è la nostre voce
voce che non sappiamo usare
cose che non sappiamo dire
spingono da dentro e da fuori
non ci resta che accettare l’ oblio
come una benedizione
l’ignoto come una medicina
e con la cenere delle nostre certezze
tentiamo la fortuna, la salvezza
il capolavoro.

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

Federico Cinti

Momenti di poesia

BIBAPPALULA

Parole Diversamente ALiBi di: Michele Cristiano Aulicino

LE RECENSIONI DI ROMINA

LEGGERE FA BENE ALL'ANIMA

Posso venire in abbraccio?

Domani ti dico ciao e ti voglio bene

Il Sentiero della Realizzazione

Scegli di crescere almeno dieci volte al giorno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: