​Affetti Collaterali

Un giorno mi affaccerò ad una finestra
Sulle sponde del fiume o dell’oceano
E butterò giù due righe così
Come si ingoia una pillola senza acqua
Che guarisce con lentezza
lasciando comunque
L’amaro in bocca
e lo stomaco in disordine
E poi chiederò allo specchio
Con aria buffa e interrogativa
Se ne sia davvero valsa la pena:
Essersi detti l’indicibile
Ed averlo scritto su di un foglio di carta
Come fosse un bugiardino
Pieno di affetti collaterali
che non svaniranno mai.

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

Federico Cinti

Momenti di poesia

BIBAPPALULA

Parole Diversamente ALiBi di: Michele Cristiano Aulicino

LE RECENSIONI DI ROMINA

LEGGERE FA BENE ALL'ANIMA

Posso venire in abbraccio?

Domani ti dico ciao e ti voglio bene

Il Sentiero della Realizzazione

Scegli di crescere almeno dieci volte al giorno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: