A quel tempo – stocazzo e la materia oscura

A quel tempo

me ne stavo a ciondolare per casa

con un libro stretto in mano

senza nemmeno aprirlo per errore –

>> dentro ci sono scritte cose

che potrebbero svoltarmi la giornata

o addirittura la vita. << Pensavo.

>>Per questo non lo apro!<<

È così che accade quando sto

Per troppo tempo da solo –

La voce si affaccia dalla finestra

E ti chiede: Ehi, giuvinotto!

Vuoi svoltare? Sono qui per te!

E tu distrattamente rispondi:

No grazie, non mi servono accendini!

Non fumo, Ho smesso!

E poi continui a contare le pieghe del tappeto

Su cui il cane inesistente del vicino

Ha pisciato appena un attimo prima

Guardandoti negli occhi come se esistesse davvero.

È così che accade quando la vita

mi sfiora appena l’orlo dei vestiti –

Tutto passa come un fruscìo

Il un cespuglio di ricordi di qualcun altro –

La noia è la radiazione di fondo dell’universo

E stocazzo, sì! – Ne è la materia oscura.

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

futaki

Creations

Federico Cinti

Momenti di poesia

LE RECENSIONI DI ROMINA

LEGGERE FA BENE ALL'ANIMA

Posso venire in abbraccio?

Domani ti dico ciao e ti voglio bene

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: