/Poesia delle Fontane che bruciano e dell’ induzione ad atti apotropaici/

“Hai incendiato la fontana in piazza”
Te lo dicono da quando sei nato
Hai avuto fantasia
Ti sei chiesto come sia possibile, ma
Ci hai creduto – almeno alla possibilità…
E un angolo remoto della tua mente
Ha visualizzato nitidamente l’immagine
Di te con un fiammifero
che incendiava la fontana
Che hai poi immaginato meglio
come un piccolo drago
Con il quale hai combattuto
E perso.
Avevi già messo in conto la sconfitta
È per questo che ti piacciono i poeti
È per questo che scrivi
Non ti ha mai sfiorato la gloria
Ti ha sempre distratto la bellezza
E Il fatto che tu lo voglia o meno
Dovrai comunque morire…
Forse io non subito: ma tu che leggi…

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Povertà e Ricchezza

OSARE RENDE LIBERI

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

Il Blog per TE

psicologia, curiosità, musica, cinema, moda e tanto altro!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: