Da dove venivEno?

Camminano i nervi scoperti

Camminano. Cammminano

Come garzoni con i vassoi

Che sudano caffè molto ristretti

Strade come rampe di lancio

Come tubi e siluri – come a dire

Cose dense di significanti

Ma senza parlare o muoversi o alludere a.

Come cose posate in un angolo

Come un angolo posato  in un angolo

Come posate dimenticate in Angòla

Come lingue di cenere e asterischi

Che si capiscono solo tra loro

E forse si incazzano. Forse si amano

Forse digeriscono il mattino

Come una foglia verde e lucente

Resta un’ idea. Quqlcosa è nascosto

Il molto è taciuto. Tutto è scuro e luminoso

E ha gambe di lettere mai viste.

Terribilmente attraenti come

Una morte supermassiccia come la metafora della fica e della vita e della caducità interrotta

ma comunque a prescindere dagli occhi

Piú o meno colorati. C’è qualcosa

Che preme sui piedi come un fermento

Che frizza nell’aria. Che significa poco

Ma fa scrivere cose, incontrare persone

Che non si conosceranno mai e forse

Inesistono e pure si incontrano

Come due mosche che si lavano il viso

Dallo sporco del tempo e poi vanno

Dove erano sempre state c

Ma con piú stile o amore o consistenza

Ma senza esistere. E. Questo è un mistero.

E. Pergiunta carino.

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

futaki

Creations

Federico Cinti

Momenti di poesia

LE RECENSIONI DI ROMINA

LEGGERE FA BENE ALL'ANIMA

Posso venire in abbraccio?

Domani ti dico ciao e ti voglio bene

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: