Necrologio

il torrente indisturbato
abbraccia la terra divelta con
occhi di curve strette e frappose
la primavera tanto cantata
si è spenta nei soliti odori
rose frattali passite con vecchio
una codifica scende dal cielo
come un graticcio di fango e
polveri di punti e asterischi
polveri di pixel e di merda
polveri di polveri morte
il pensiero è fresco
come una puntarella salata
scrocchiano tra i denti le ossa
fioriscono di ratei bollette e
dentro il portone caduto
fa primavera il piccione-

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

futaki

Creations

Federico Cinti

Momenti di poesia

LE RECENSIONI DI ROMINA

LEGGERE FA BENE ALL'ANIMA

Posso venire in abbraccio?

Domani ti dico ciao e ti voglio bene

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: