L’angolo

Cosa si nasconde dietro quell’angolo?
Fame, gentilezza, ricerca.
Vieni, vieni… Vieni a vedere.
Lascia le paure
come mutande sporche in un angolo.
Dove uccidi i gesti d’amore?
Voi che vi addolcite nel bisogno
Sui letti di metafisici ospedali
Voi mansueti nella debolezza
Quando sentite la giovinezza immortale
Capace di spostare montagne
Allora bisogna deporre le armi
Perdere ogni speranza di vittora
Mollare la presa sui sogni
Arrendersi alla luce del sole
Diventare come il soffio del vento
Che sposta le foglie d’ulivo
Che adesso brillano
Come piccoli specchi
Come piccoli occhi
Come languide api

Ospedali

Entri ed esci dagli ospedali
Come proiettili
Come paradisi inclinati verso terra
Come raccomandate
Con forzature di prescrizioni
Con Amici. Con Nemici.
Con sconosciuti adesso allegri
Adesso molto meno
Incontri piacevoli
In momenti difficili. Certo
Ci riconosciamo.
Qui ci facciamo accoglienti
Come fuochi nella lunga notte all’addiaccio
L’infermiera scontrosa
Da spegnere subito
con il sorriso
E una buona parola
Uomo tra uomini
Niente tra niente
Alla destra della morte
Sempre risiede l’amore –
Il parlato mancino
Lo lascio per dopo
Qui resto in silenzio
Ad ascoltare le scarpe
Che danzano e fischiano
Sui pavimenti gommati – e
La voce mi dice: sei qui
E in ogni altra cosa
a te sconosciuta.

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

Federico Cinti

Momenti di poesia

BIBAPPALULA

Parole Diversamente ALiBi di: Michele Cristiano Aulicino

LE RECENSIONI DI ROMINA

LEGGERE FA BENE ALL'ANIMA

Posso venire in abbraccio?

Domani ti dico ciao e ti voglio bene

Il Sentiero della Realizzazione

Scegli di crescere almeno dieci volte al giorno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: