Randagi

Le nuvole passano lente,

Lasciano odore di ferro,

bruciano gli ultimi rossori Del cielo,

Poi si infrangono morbide,

smarrite si abbandonano,

all’idea gelida

di quei venti di terra

che tagliano per metà il viso,

per metà il cuore.

Mentre la notte illumina Il passo cieco del destino,

Le felicità esplodono Euforiche

per un arrivederci,


i lampioni ci rendono gli onori delle armi,

mentre il Papa recita l’ultmo angelus

alla nostalgia…

Come cani

aspettiamo,

a quattro zampe

orecchie tese,

Avanti alla metafisica

Macelleria della vita.


Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Per boschi e contrade

Prodotti naturali di terra lucana

comehofattoanonpensarci

idee, progetti e suggerimenti per vivere più felici

miriammessina

Vivo e scrivo sulla splendida isola d'Ischia

ENDangered Peoples News

We must talk about it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: