IL COJONA VIRUS

Per strada due forme antroposmorfie si incrociano a poca distanza

Etchiù!
Ma, dai! Checcazzo! Fa’ attenzione, cribbioh!

Scusami, è questa maledetta lebbra nasale…
Non ne posso più; è cominciata con un prurito insolito alla narice sinistra, poi è passato anche alla destra, poi il raffreddore totalbody, e adesso se ne sta cadendo man mano, tutto lo naso intiero.

(Naso-naso ad essere puntigliosi).

Ma porcaputt! ‘sta roba è contagiosa?

Certochessì! hai presente la classica influ aviaria? Questa è di tipo Concord 2.0! Comunque scusami tanto-tanto, sono MORTIficato, non volevo starnutirti nell’occhio;
ma sa… Senza setto nasale è difficile direzionare…

Scusa, scemo of war! Ma una cazzo di mano avanti al viso? No? Troppo lavoro?

Non vedi che ho le mani bucate? Questo maledetto, comincia col naso e poi si trasforma nella Padre-Pio-Syndrome.
E’ un virus very mutante. Ti buca i palmi delle mani, conclude con l’affusolamento del gomito, delle ginocchia e anche del pisello!

Voi vedere? – ” Ssshzziiippp”
Così mi è impossibile starnutire nel gomito e fare la pipì in maniera precisa. Spisciazzo di qua e di là. Dovresti vedere il cesso di casa, ci si può surfare sopra un mare di virussi. Se te lo stessi chiedendo, le onde le generano le maree a loro volta generate dall’attrazione che esercitano le gonadi sul piscio.

Ma è terrificante! Oddio! Adesso sono infetto! perderò il naso, piscerò alla cazzo, avrò le mani bucate, il pisello inservibile e il gomito valgo!
Non c’è una cura? Ma si può anche morire?

Guarda, amico mio. Io ci convivo da 75000 anni e non sono ancora morto. Certo è una vita complicata, ma stando attento all’alimentazione… Facendo un po’ di movimento…
Io ad esempio sono specializzato nel lancio del giavellotto: lo infilo nel buco e così riesco a dare anche una rotazione importante. ho vinto le para-meta-olimpiadi.
Stante allaccia sintri, mentre il gatto corre listo per i frusti.

Come dici?

PUPPA!

Lascia il tempo che trovi

Lascia il tempo che trovi

Foglio bianco. Rischiara
Piccole montagne alla finestra
Uso i punti per . Pensare
L’idea di affacciarmi
Per vedere il cimitero
. Mi rasserena.
Voglia di lapide. Muschio
Con acqua fredda
Che scorre nel fosso
Come la vita
Come il succo d’arancia
Poco fa. Spemuta
Fino al gomito
Rivolo appiccicoso sul pavimento
Lasciato scorrere con un sorriso
Prima finisco. Poi pulisco
Cosí è la vita
Se non viene nessuno in soccorso
Per lasciar scorrere meglio
I minuti.
come una emorragia del.

  • lascia il tempo che trovi
    Prendi il tempo che cerchi
    Dona il tempo che speri.

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

futaki

Creations

Federico Cinti

Momenti di poesia

LE RECENSIONI DI ROMINA

LEGGERE FA BENE ALL'ANIMA

Posso venire in abbraccio?

Domani ti dico ciao e ti voglio bene

Il Sentiero della Realizzazione

Scegli di crescere almeno dieci volte al giorno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: